S.A.S. Gianni Rolando

Principe di San Bernardino

Rolando-5-vert-201x300La Storia è lì a dimostrarcelo in continuazione. Non esiste Stato le cui radici non affondino su una terra bagnata dal sangue. Guerre di conquista o di liberazione, da qualunque lato si guardi la questione, ogni Stato ha un’origine cruenta. Ora la Storia sta scrivendo un nuovo capitolo. Per la prima volta, ecco uno Stato che nasce pacificamente, sulla base dell’assenso e con obiettivi che rispecchiano la realtà di un mondo ormai “senza confini”.

Il Principato di San Bernardino (PSB) è tutto questo e altro ancora. È progettato per operare come Stato Intelligente – non ci sono formule o ricette prescritte alla propria popolazione, ma ad essa è data opportunità di essere, pensare e agire liberamente. Il Principato di San Bernardino è oggi ciò che il Nuovo Mondo aveva rappresentato secoli fa – non solo una nuova cornice politica, economica, sociale e culturale, ma un completamente nuovo Stato di Pensiero della Popolazione Globale amante della libertà, unita in una forma politica completamente nuova per propria Libera Volontà.

Il Principato di San Bernardino rappresenta la Seconda Patria per l’attuale popolazione, che è votata a non ripetere gli errori fatti dai rispettivi ambienti politici. L’esperienza e conoscenza della storia del proprio popolo rappresenta terreno solido per il processo di costruzione dello Stato, del primo Stato Intelligente nel mondo di oggi: Il Principato di San Bernardino.

Il Principato di San Bernardino rispecchia in ogni cosa la sua origine davvero “unica”. Si rifà ai più vecchi, solidi e vitali valori della Cavalleria medioevale (art. 13 della Costituzione), quali l’eccellenza morale, la difesa dei deboli e dei bisognosi, la verità, la lotta contro gli oppressori, l’onore, il coraggio, la lealtà, la fedeltà e la clemenza. Abbina, però, questi storici valori alla conoscenza e agli strumenti del XXI° secolo (qual, ad es., la telemedicina, la lotta contro la desertificazione ecc.).

Il Principato di San Bernardino è lo Stato più moderno al mondo. Nell’epoca della globalizzazione, esso non ha “confini” perché il proprio territorio o, meglio, i propri territori sono localizzati in aree (soprattutto isole) abbandonate o trascurate dai loro precedenti Stati sovrani e che da questi ha ottenuto i diritti di proprietà extraterritoriale. Il PSB è quindi il primo Stato veramente internazionale, anzi intercontinentale. Ha o avrà territori in tutti e cinque i continenti. Non può essere quindi identificato con nessuna razza, religione, potenza o blocco politico. Questa sua unica “natura” gli permette di vivere la sua speciale vocazione di non essere orientato al proprio interno, ai propri interessi, al proprio potere. Al contrario il PSB ha una vocazione “verso” gli altri Paesi. La sua aspirazione è quella di collaborare con ogni Paese (art. 14 della Costituzione e art. 2 dello Statuto della Fondazione del PSB) per diffondere la pace nel mondo,  di intervenire portando aiuti in caso di calamità naturali o disastri dovuti all’uomo, di dare soccorso ai Rifugiati, di diffondere le più moderne pratiche e sistemi sanitari. Un’attenzione particolare è poi destinata alle nuove generazioni, perché possano vivere in un mondo  più a misura d’uomo e dove essi possano trovare opportunità di lavoro e di sviluppare le proprie aspirazioni.

Il Principato di San Bernardino nasce libero da molti dei mali che affliggono ormai ogni Paese  ogni cultura. Il PSB non è sotto il giogo di un debito pubblico che divora la ricchezza dei propri cittadini né di una marea di leggi che, anziché tutelare i propri cittadini, ne limita la libertà. Anche la scelta della propria forma politica – una monarchia costituzionale – evita, da una parte, l’eccessivo accentramento di potere di una monarchia assoluta e, dall’altro, la paralisi, la contraddittorietà e la dispersione tipiche di una forma repubblicana.

Da qui nasce il nostro più sincero “Benvenuto al Mondo”, a tutti quei Paesi che hanno iniziato a collaborare con noi e a tutti quelli che si uniranno a noi in questo grande e comune sforzo di rendere la Terra veramente la nostra Casa Comune.

Sua Altezza Serenissima
Gianni Rolando
Principe di San Bernardino

principality-300x186

Il Principato di San Bernardino, in questo periodo di transizione, sta utilizzando questo sito commerciale mentre otteniamo il nostro (estensione sito .gov) ufficiale del governo attraverso l’ICANN. Riconoscimento statale del Principato con 122 paesi che fanno parte dell’Assemblea generale dell’ONU si concluderà a breve.

 

DICHIARAZIONE UNESCO

Il Principato di San Bernardino fa suoi i principi della Conferenza generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura ed espressi nella convenzione riguardante la protezione sul piano mondiale del patrimonio culturale e mondiale, siglata a Parigi nel 1972 tra i paesi aderenti.
Essendo a pieno titolo le isole del Principato di San Bernardino da considerarsi «patrimonio naturale», che secondo la Convenzione di Parigi sono da intendersi i monumenti naturali costituiti da formazioni fisiche e biologiche o da gruppi di tali formazioni di valore universale eccezionale dall’aspetto estetico o scientifico.
Date tali premesse si attiverà presso le sedi UNESCO all’inoltro del dossier di candidatura delle isole al riconoscimento di esse stesse quali «patrimonio naturale» ed a integrare la protezione di questo patrimonio nei programmi di pianificazione generale.

 

DATE STORICHE
19 Dicembre 2011: Nascita dell’isola
30 Settembre 2013: Nascita Principato
21 Dicembre 2013: Firma della Costituzione e nascita del 1° Governo del Principato
20 Maggio: Memoria Liturgica
24 Maggio: Canonizzazione di San Bernardino; Compleanno del Principe e Festa Nazionale

Il Principato di San Bernardino fa suoi i principi della Conferenza generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura ed espressi nella convenzione riguardante la protezione sul piano mondiale del patrimonio culturale e mondiale, siglata a Parigi nel 1972 tra i paesi aderenti. Essendo a pieno titolo le isole del Principato di San Bernardino da considerarsi «patrimonio naturale» , che secondo la Convezione di Parigi sono da intendersi i monumenti naturali costituiti da formazioni fisiche e biologiche o da gruppi di tali formazioni di valore universale eccezionale dall’aspetto estetico o scientifico.